Da quando sono diventata una freelance e con il passare degli anni mi sono convinta sempre di più che specializzarsi sia la soluzione migliore per riuscire a risolvere in modo efficace i problemi del pubblico al quale ci rivolgiamo.

All’inizio, devo ammetterlo, anche io ho commesso l’errore di proporre molte (troppe) attività nei miei pacchetti di delega, un po’ perchè non sapevo ancora quelle che mi piaceva davvero fare e un po’ perchè pensavo esattamente come fanno ancora molte persone: nel dubbio, meglio metterci dentro più roba invece che meno.

Da allora, continuando a raffinare le idee, sono arrivata alla definizione delle attività su cui voglio davvero puntare e per le quali voglio che le persone mi riconoscano ma in giro per il web ci sono parecchie colleghe e freelance in generale che inseriscono nella loro offerta servizi che mi fanno pensare “E questo cosa c’entra con lei?” oppure “Ma come fa a saper fare bene tutte queste cose?”.

Vero è che uno dei vantaggi di collaborare con un’assistente virtuale è proprio quello di poter disporre di una professionista in grado di offrire competenze diverse in modo trasversale ma se puoi scegliere tra una rosa di 15 o 20 attività diverse forse qualche dubbio potrebbe venirti.

Del resto, anche le freelance e imprenditrici più seguite online non si propongono per settori e categorie molto diversi tra loro: con il tempo hanno acquisito visibilità proprio perchè sono diventate esperte in qualcosa di specifico quindi, ad esempio, da Gioia non puoi aspettarti che ti aiuti con la grafica perchè non fa parte dei servizi che offre.

La potenza delle collaborazioni tra freelance

Tra l’altro, per quanto ami profondamente la flessibilità del mio lavoro, io sono una di quelle che crede sia necessario distinguere tra chi si specializza in determinati settori o categorie e si propone solo per quelli (vedi sotto) e le assistenti virtuali che, tra le altre cose meno specifiche, offrono anche qualcuno dei servizi che propongono le “esperte del settore”.

Non che i due mondi non possano convivere pacificamente però è chiaro che si rivolgono a due target differenti: io stessa realizzo, se servono, delle grafiche o metto mano ai siti delle mie clienti ma sono comunque servizi secondari e di minore entità rispetto a quelli che rappresentano i miei capisaldi.

Tutto questo discorso della specializzazione vs multitasking quando si tratta dei servizi che offriamo mi ha permesso di sperimentare alcune belle collaborazioni con altre freelance proprio per quelle attività che io non offro come assistente virtuale.

Ti presento quindi 4 categorie di professioniste con le quali posso collaborare perchè offrono competenze complementari rispetto a quelle che offro io.

Ovviamente questo elenco non è universale nè esaustivo perchè rispecchia la mia situazione specifica e capirai da te che ogni assistente virtuale, avendo competenze più o meno differenti, può completare il panorama dei servizi che offre collaborando con professioniste anche diverse da quelle che stiamo per vedere insieme.

Digital Strategist

Parto dalla tipologia di freelance che più spesso mi viene in mente di proporre alle clienti per le quali lavoro o a chi mi contatta per capire se possiamo iniziare una collaborazione insieme.

E il motivo è semplice: io mi occupo di predisporre e programmare i post sui social però non sono la persona adatta se hai bisogno di una mano con la strategia o addirittura di qualcuno che te la faccia da zero.

Tornando al discorso di prima, credo fermamente che ognuna di noi abbia più attitudine a fare alcune cose piuttosto che altre e la strategia non rientra nelle competenze che ho nè in quelle che voglio sviluppare quindi la soluzione più semplice ed efficace è proprio collaborare con una professionista esperta in strategia. I miei riferimenti in questo caso sono Alessia e Federica.

Anche perchè non è un’attività secondaria, di quelle che puoi affidare alla cuggina di turno, perchè sbagliare la strategia digitale o non svilupparne una significa mettersi nelle condizioni di fare le cose nel modo più casuale e disorganizzato possibile.

Senza contare che, delegando la programmazione dei social senza avere la benchè minima idea di una strategia digitale, è quasi uno spreco di risorse in termini di tempo e denaro perchè da parte mia svolgerò comunque il lavoro a me assegnato ma gli sforzi da fare non saranno del tutto ottimizzati.

Esperta di SEO

Altra freelance il cui lavoro si intreccia bene con il mio è l’esperta di SEO: io mi occupo di tutto ciò che riguarda la preparazione degli articoli per il blog ma le mie competenze si limitano a questo campo quindi, se hai bisogno di un intervento in termini di ottimizzazione per i motori di ricerca, non sono io a potermene occupare.

Non posso dire che la materia mi sia totalmente sconosciuta perchè, soprattutto nei primi mesi della mia attività, mi sono dedicata molto alla SEO per il mio sito quindi so abbastanza bene di cosa parliamo ma sono ben lontana da poter offrire un servizio in questo campo.

Perchè la SEO si combina bene con il mio lavoro? Perchè fare un buon lavoro di ottimizzazione sul sito in generale o, ancora meglio, su ogni singolo articolo che pubblichi sul blog aumenta la possibilità che tu compaia nella prima pagina di Google come esperta nel tuo settore. Più i tuoi contenuti (tutti) sono bene ottimizzati lato SEO e più potenzi l’utilità e l’efficacia del lavoro che stai facendo con la pubblicazione costante sul blog. In questo caso il mio riferimento è Tatiana.

Web Designer

Sulla scia di quanto appena scritto e sempre riguardante il discorso del sito web, rientra anche la collaborazione con la web designer: come per la SEO, in questi anni ho imparato a smanettare su WordPress e non me la cavo malaccio ma di certo non sono in grado di realizzare siti professionali nè di fare interventi importanti a siti già esistenti.

Consiglio di affidarsi a una web designer quando la persona con cui sono in contatto sta esplicitamente cercando quel tipo di figura oppure non le è chiaro se questo tipo di interventi possono rientrare nel nostro pacchetto di collaborazione, ma anche quando io stessa mi rendo conto che il sito avrebbe bisogno di una bella sistemata perchè potrebbe migliorare la resa del lavoro che sto per fare o che sto già facendo.

Mi capita spesso di mettere mano ai siti delle mie clienti per aggiornare pagine e articoli sia a livello di testo che di struttura ma non ho mai voluto prendermi la responsabilità di fare interventi più “pesanti” perchè non è il mio lavoro e mi faccio volentieri da parte davanti alle esperte.

Anche perchè, ha poco senso essere costanti con la scrittura del blog oppure aver creato dei bellissimi testi per il sito ma aver poi impaginato tutto nella maniera meno utile e ordinata per chi deve leggerli. Per questa categoria il mio riferimento non può che essere Ljuba, che è la sapiente mano dietro a tanti bellissimi siti tra cui il mio!

Pssst, conosci già le mie Tool Pills?

Ogni 15 giorni ti scrivo per condividere alcune delle risorse o degli strumenti utili che mi aiutano ogni giorno a gestire meglio il mio lavoro. Compila i campi qui sotto se le vuoi ricevere anche tu: